Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Psicologia

SALVARSI CON UNA FIABA

SALVARSI CON UNA FIABAEmanuela Pasin

SALVARSI CON UNA FIABA

Terapia psicologica
con i malati di Alzheimer
PREZZO: 14,00
PAGINE: 104
FORMATO: 14.5x21
ISBN: 9788874870394
ANNO: 2010
DISPONIBILITÀ: Si

La malattia di Alzheimer, una sindrome per la quale la medicina non ha trovato ancora la cura, sta diventando una fonte di importante riflessione scientifica sui particolari meccanismi comportamentali che provoca nell’essere umano.
Nonostante la persona con Alzheimer venga lentamente privata di tutte le facoltà precipuamente umane come la memoria, la ragione, la coscienza e l’autocontrollo, la sua psiche continua a funzionare. Da alcune esperienze di psicoterapia sta emergendo che esistono conoscenze conservate negli antri nascosti della mente, devastata dall’atrofia cerebrale, che costellano la vera essenza umana e che sicuramente vanno oltre le peculiarità della ragione.
Uno di questi tipi di psicoterapie si basa sull’utilizzo delle fiabe, che hanno in sé un potere particolare di trasformare i nuclei psichici in immagini concrete. Come dimostra questo libro, tali immagini continuano ad essere create dalla mente, anche molto compromessa a livello neurologico. Ciò permette alla persona di perseguire non tanto la guarigione, quanto la propria salvezza, cioè il raggiungimento di un equilibrio e di una serenità dell’essere e dell’esistere.


Emanuela Pasin, neuropsicologa e psicoterapeuta, da più di dieci anni si dedica alla malattia di Alzheimer seguendo sia i pazienti che i loro familiari. L’esperienza che viene descritta in questo libro è tratta da uno dei progetti che ha realizzato all’Ipab La Pieve a Breganze (Vicenza), dove è stata responsabile della Sezione Alta Protezione Alzheimer e dei Servizi di Riabilitazione. Collabora con aziende pubbliche e private per progetti di riabilitazione, di formazione, gestione e motivazione del personale utilizzando tecniche simboliche integrate. Ha scritto numerosi articoli sulla creatività e la valorizzazione del potenziale umano in persone affette da malattie neurodegenerative.
Hear this article
 

Curare i Disturbi d'Attenzione e di Comportamento dei Bambini

Sample ImageComplementi nutrizionali e trattamenti psicologici
«Fino a cinquant’anni fa, la drogheria media offriva pochi prodotti, spesso in grandi quantità: si trattava soprattutto di verdure, cereali e frutta. Una persona che non conoscesse i princìpi della nutrizione poteva comunque comprare ciò che era necessario per mantenere la buona salute, perché i prodotti nutrienti erano in numero maggiore di quelli non nutrienti. Quella persona avrebbe potuto restare in salute nutrendosi di prodotti scelti casualmente, senza alcuna conoscenza delle loro proprietà nutritive. Ciò non è più possibile nei moderni supermercati. Oggi su 15.000 prodotti disponibili, solo 50 sono adatti a conservare la salute. La maggioranza dei prodotti non è nutriente, perché viene dall’industria high-tech».

Sulla base di più di duemila casi-studio, da lui condotti personalmente nel contesto clinico canadese della provincia del Saskatchewan, il dott. Hoffer ha creato una dieta ottimale, che utilizza alimenti comuni e supplementi nutrizionali per trattare e prevenire i disordini dell’attenzione, dell’apprendimento e del comportamento nei bambini. Le patologie e i disturbi mentali sono connessi con intossicazioni da allergeni o metalli pesanti, sostanze chimiche, cibi spazzatura, deficit vitaminici ecc.
Somministrando elevate quantità di vitamine, soprattutto della vitamina B3, Hoffer dimostra di ottenere risultati strepitosi e guarigioni “miracolose”.

La sua è una ricerca medica importante sul fenomeno delle intossicazioni alimentari e ambientali e sul nuovo modello scientifico e terapeutico della medicina ortomolecolare, che si è dimostrato valido per disturbi che vanno dalla stato confusionale al ritardo mentale, dall’iperattività alla schizofrenia, dalle semplici difficoltà di apprendimento scolastico alle ben più gravi allucinazioni visive o uditive.
Il pericolo della diffusione in Italia del modello statunitense, che prevede la distribuzione in massa ai bambini di psicofarmaci (come il famigerato Ritalin) per i disturbi psicologici più vari, trova qui una soluzione alternativa al problema: è possibile curare con rimedi naturali disturbi per cui solitamente si vorrebbero prescrivere solo sostanze dannose e che causano assuefazione e dipendenza. Con decine di testimonianze di pazienti.

Abram Hoffer, medico e ricercatore, è stato uno dei collaboratori di Linus Pauling, premio Nobel per la biochimica, e ha gettato insieme a lui, anzi prima di lui, le fondamenta della medicina ortomolecolare a base di vitamine e minerali.
Hear this article
 

Podomanzia. Il cielo sotto di noi

Podomanzia. Il cielo sotto di noiIL LIBRO

L’immagine dell’uomo come microcosmo che racchiude in sé l’universo è antichissima e attraversa molte tradizioni esoteriche. Nell’antica Cina, in India, nella Mesopotamia, il corpo umano – le linee delle mani, le macchie della pelle, il colore e il taglio degli occhi, la forma del naso – veniva letto e interpretato come una sorta di mappa in cui le divinità avevano scritto il destino e il carattere di ogni uomo.
Anche la podomanzia, l’esame del piede, nacque come arte divinatoria, ma in Europa – dove giunse piuttosto tardi (intorno al XV secolo), portata dai gitani in fuga dall’India in seguito alla conquista islamica e alle depredazioni dei mongoli – venne recepita soprattutto come disciplina terapeutica dalle molteplici applicazioni. E proprio su di essa si concentra Devon Scott, a partire da un’analisi accurata della morfologia del piede. Imparare a leggere e interpretare il colore e il calore dei piedi, la loro consistenza, il dorso, la forma delle dita, le linee, le unghie permette di conoscere più a fondo la propria personalità e il proprio carattere e in pari tempo di migliorare la propria salute. Non deve perciò stupire il successo crescente di una disciplina che, rispetto ad altre come l’agopuntura e la riflessologia, presenta un ulteriore, grande vantaggio: è una tecnica alla portata di tutti, semplice da praticare e che non richiede una preparazione particolare e neppure materiali o strumenti specifici. La podomanzia rappresenta una soluzione ideale per ottenere un sollievo duraturo per disagi psicologici e malesseri fisici molto diffusi.

L'AUTORE

DEVON SCOTT, studiosa di folklore e tradizioni magico-iniziatiche dell’area mediterranea, tiene corsi e conferenze e collabora con numerose riviste, in Italia e all’estero. È tra i soci fondatori del portale esoterico «Specchiomagico. net». Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo I giardini incantati. Le piante e la magia lunare (2006). Per chi desidera contattare l’autrice: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

http://www.etadellacquario.it/schedaLibro.asp?idLibro=196

Hear this article
 

Dal mal di vivere alla depressione

Dal mal di vivere alla depressioneNicola Lalli
Dal mal di vivere alla depressione

La depressione nell’ultimo cinquantennio è stata terra di conquista da parte delle case farmaceutiche che ricorrendo al poco conosciuto disease mongering, hanno creato, a tavolino, nuove patologie e soprattutto nuovi bisogni per plasmare una categoria sempre più ampia di clienti, non certamente di pazienti. È sconcertante come numerosi psichiatri e ricercatori abbiano colluso, spesso in maniera consapevole, con questa dinamica di mercato che nulla ha a che fare con la scienza.
L’autore ha sentito la necessità, ripercorrendo un lungo viaggio nella storia, nell’antropologia culturale, nelle neuroscienze, nella clinica, nella letteratura e nell’arte, di riportare alla luce le vere caratteristiche della depressione e le sue possibili cause. Convinto che solo una comprensione approfondita, priva di ideologie e di pregiudizi, possa fornire una valida risposta a quella che è stata definita come la malattia del nostro tempo.
Quindi, senza farsi incantare dalle sirene del marketing, dalle riviste patinate di psichiatria o dai megacongressi, il lettore potrà esplorare «le terre della depressione», consapevole che Scilla e Cariddi lo attendono al varco. Il biologismo riduttivo da una parte, lo psicologismo eclettico e accattivante dall’altra. Pertanto l’esposizione sarà saldamente ancorata alla linea mediana della clinica e terrà costantemente presente l’importanza dei fattori culturali e la loro evoluzione nel corso del tempo: dati fondamentali per differenziare nettamente il «mal di vivere» – tipica e strutturale modalità dell’uomo – dalla depressione come evento clinico.
In questa ottica, il volume si propone come un saggio di «psicodinamica culturale» sulla depressione.

Nicola Lalli, titolare di Clinica Psichiatrica e Psicoterapia, già Primario presso l’Università «La Sapienza» di Roma, è autore di oltre 150 lavori, molti dei quali presentati a congressi nazionali e internazionali e di numerosi volumi frutto dell’attività clinica e di ricerca iniziata alla fine degli anni Sessanta.
Tale attività di ricerca è stata esposta in vari volumi tra i quali si segnalano
Il primo colloquio psichiatrico (1980), Le psiconevrosi: fenomenologia e psicodinamica (1988), Manuale di Psichiatria e Psicoterapia (1989), L’altra faccia della luna. I misteri del sonno e del sogno (1994), Lo spazio della mente: saggi di psicosomatica (1998), Elementi di psicoterapia dinamica (2006). Tra questi si evidenzia il Manuale di Psichiatria e Psicoterapia, soprattutto la seconda edizione ampliata del 1999 che ripropone concretamente la possibilità di un raccordo tra Psichiatria e Psicoterapia e tra Medicina e Psicologia. Tale integrazione è stata possibile con l’ausilio di un modello psicodinamico sviluppato e ampliato dall’autore nel corso del tempo. Il presente volume costituisce un ulteriore approfondimento di tale modello che, nel sottolineare l’importanza dei fattori culturali, rende più articolata la comprensione della complessa galassia «depressione».
Hear this article
 

Cosa muove il mondo

Sample ImageStefano Carta
Liberiana Pavone
Cosa muove il mondoSulla motivazione
PREZZO: 22,00
PAGINE: 304
Il lettore che voglia cogliere a fondo il principio ispiratore del volume dovrà lasciar risuonare l'interrogazione fondamentale del titolo come se fosse la domanda d'un bimbo (tramate d'incanto e stupore, le domande infantili non danno tregua a noi adulti) o, se si vuole, il contrappunto delle domande radicali dei pazienti in analisi, le quali non possono trovare una risposta, e per tale ragione divengono il filo di un'avvincente matassa narrativa, intessuta di immagini profonde, compagne di sentiero delle parole.
Dalla scena primaria e dal complesso edipico, attraverso gli archetipi, sino alla fantasia inconscia, la psicologia del profondo ha ospitato per un secolo, a partire dalla Traumdeuntung e dai Tre saggi sulla teoria sessuale di Freud, una tensione conoscitiva e terapeutica ben compendiata dalla metafora junghiana della creazione continua. In una cornice darwiniana l'elettiva apertura alla pluralità che contrassegna la ricerca sulla psiche e la cura della psiche svela un incessante orientamento alle origini, da cui il percorso, il desiderio e il bisogno di una meta trasformativa, simboli per sé metamorfici, vengono adombrati e insieme illuminati.
In una prospettiva interdisciplinare analisti e studiosi di ispirazione junghiana affrontano, al crocevia del nesso imprescindibile tra scienze naturali e scienze umane, non solo il tema delle determinanti primarie della dinamica psichica inconscia e cosciente, ma soprattutto l'area del dubbio che struttura in forma tanto sottile, quanto stringente, ogni istanza epistemica, ogni esperienza di elaborazione nell'ambito della teoria e della cura in psicoterapia analitica e in analisi.
Stefano Carta, psicologo, psicoterapeuta, membro dell’Associazione Italiana di Psicologia Analitica (aipa), di cui ha ricoperto la carica di Presidente dal 2000 al 2004, e della International Association for Analytical Psychology (iaap). Si è specializzato presso il C.G. Jung Institut di Zurigo, di cui è guest lecturer, ed è professore associato in Psicologia dinamica presso l’Università di Cagliari. È stato direttore della rivista «Studi Junghiani», ha contribuito alla creazione di etna, progetto di Etnopsicologia analitica, ed è consulente del Centre for Trauma, Asylum and Refugees della University of Essex. Membro della redazione della «Rivista di Psicologia Analitica», ha scritto oltre cinquanta pubblicazioni sulla psicoterapia e sulla psicologia analitica.
Hear this article

Leggi tutto...

 
Altri articoli...
Selezione della lingua
English (United Kingdom)Italian - ItalyDeutsch (DE-CH-AT)Español(Spanish Formal International)French (Fr)
Prossimi Eventi
Cena con Erbe Spontanee D'Estate

IL CASALE DEI BUONI SAPORI

in collaborazione con

CASA DELLE ERBE DELLA TUSCIA E DEL MONTE SORATTE

 

 

Mercoledì 28 Giugno 2017

ore 20.00

 

IL CASALE DEI BUONI SAPORI

Statale Nepesina 311, Loc. Colonnetta - NEPI

 

Info e Prenotazioni Alessandro Sgamuffa

0761 571504  -  338 1385912

 

 

Leggi tutto...
Sostieni Cybermed

 

Cybermed ADV
Seguici anche su

Visitatori
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi11345
mod_vvisit_counterIeri36623
mod_vvisit_counterQuesta settimana47968
mod_vvisit_counterSettimana precedente208256
mod_vvisit_counterQuesto mese807856
mod_vvisit_counterMese precedente1544614
mod_vvisit_counterTotale101770103

We have: 351 guests, 14 bots online
Tuo IP: 54.196.105.189
 , 
Oggi: Ago 22, 2017